Pronto l’universo virtuale, ha 25 miliardi di galassie

E’ stato simulato con un supercomputer

Una sezione dell’universo virtuale (fonte: Joachim Stadel, UZH) © Ansa

Una sezione dell’universo virtuale (fonte: Joachim Stadel, UZH) © ANSA/Ansa

 

Simulata la formazione dell’universo con un supercomputer. Il risultato è un ‘cosmo virtuale’ che contiene circa 25 miliardi di galassie. Pubblicata sulla rivista Computational Astrophysics and Cosmology, la simulazione si deve agli astrofisici dell’università di Zurigo coordinati da Romain Teyssier.
Il risultato servirà a calibrare gli esperimenti del satellite Euclid, che l’Agenzia Spaziale Europea (Esa) intende lanciare nel 2020 per studiare energia oscura e materia oscura, che si pensa compongano rispettivamente il 25% e il 70% dell’universo, mentre il restante 5% sarebbe composto dalla materia ordinaria, ossia quella di cui sono fatte stelle e pianeti.
La simulazione è stata possibile grazie a una tecnica messa a punto dagli stessi ricercatori per utilizzare in modo ottimale la memoria disponibile e la potenza di elaborazione del supercomputer Piz Daint, del centro nazionale di calcolo ad alte prestazione della Svizzera (Cscs) a Lugano. La tecnica ha permesso di generare l’universo virtuale in sole 80 ore.
Il punto di partenza è stato un ‘fluido virtuale’ composto da 2.000 miliardi di particelle che si sono evolute formando piccoli grumi di materia a partire dai quali  si sono gradualmente formatele galassie. La sfida principale è stata riuscire a simulare le galassie in un volume grande quanto l’intero universo che si riesce ad osservare. Questo è infatti il requisito fissato dalla futura missione dell’Esa.
”La natura dell’energia oscura e quella della materia oscura rimane una delle principali questioni scientifiche irrisolte”, ha detto Teyssier. Il mistero, ha aggiunto, può essere risolto solo attraverso l’osservazione indiretta: quando il satellite Euclid catturerà la luce di miliardi di galassie in grandi aree del cielo, gli astronomi misureranno le piccolissime distorsioni della luce di queste galassie dovute alla presenza della massa invisibile della materia oscura.

Redazione ANSA