Queste persone non sono mai esistite. Le ha partorite l’intelligenza artificiale

Queste persone non sono mai esistite. Le ha partorite l'intelligenza artificiale

Un sistema creato da Nvidia sforna immagini di volti perfettamente verosimili attingendo a un database di celebrità. E creando un popolo inesistente ben oltre ogni sforzo grafico, grazie al dialogo fra due reti neurali

di

SIMONE COSIMI

 

UN ESERCITO di persone perfettamente verosimili. Ma mai esistite. Le ha prodotte un sistema d’intelligenza artificiale sviluppato dal produttore di chip statunitense Nvidia perfezionando un algoritmo che sfrutta una tecnica battezzata Gan, che sta per “Generative adversarial network”, già utilizzata lo scorso giugno per una prima dimostrazione. Si tratta di un generatore di immagini ora in grado di partorire scatti estremamente realistici di persone inesistenti.
Nella Gan due reti neutrali sono messe a confronto l’una con l’altra. Una funziona come un algoritmo generativo, l’altra mette ne mette in discussione i risultati, spingendo a un miglioramento dell’esito finale. Come modello dimostrativo Nvidia ha sviluppato una soluzione che attinge a un database di oltre 30mila scatti di persone famose come attori e cantanti per produrre immagini di persone inesistenti ma del tutto credibili. La novità è che non si tratta di un lavoro d’inventiva umano né di sofisticazioni grafiche manuali ma appunto del risultato che due reti neurali hanno ritenuto più verosimile in un confronto continuo fra di loro. Fino a sviluppare immagini di “qualità mai vista”, spiega la squadra di ricercatori dell’azienda in un paper dedicato in cui è coinvolto anche un autore della Aalto University.


NVIDIA AI Developer @NVIDIAAIDev

Researchers from @NVIDIA used #GANs to generate photorealistic images of fake celebrities. http://nvda.ws/2yfoHT6

19:31 – 30 ott 2017

  • C’è anche un video che immortala il sistema in azione, in grado di sfornare volti verosimili e – secondo il sito Futurism – “misteriosi”. In buona sostanza, e basta scorrerle per rendersene conto, se non si è a conoscenza che quelle facce sono state sviluppate da un dialogo fra intelligenze artificiali le si potrebbe serenamente scambiare per vere. Non si tratta d’altronde del primo caso che mescola le carte fra realtà effettiva e artificiale, dal WaveNet di Google DeepMind, che mima perfettamente la voce di un essere umano, al sistema della startup Lyrebird a cui basta un minuto di campionamento per riprodurre il vostro timbro.
    Non solo volti. L’algoritmo è perfettamente in grado di realizzare immagini verosimili e in alta risoluzione di scenari, contesti e oggetti.  Anche se in questo caso commette ancora qualche errore. Di queste fake pictures c’è già un commercio: una startup di nome Mad Street ne sta vendendo a una catena commerciale nordamericana per rimpiazzare immagini di abiti sui propri siti. C’è solo da immaginare cosa si potrebbe fare con immagini tanto realistiche di volti umani.

FONTE