Esperimenti scientifici non autorizzati: la fusione fredda e altro ancora alla portata di tutti. Come fare? da oggi in libreria!

Da oggi, in tutte le librerie è in arrivo il nuovo libro Esperimenti scientifici non autorizzati dove viene dimostrato come è possibile riprodurre in casa alcune delle cosiddette scoperte scomode! Utilizzando tecnologie non riconosciute dalla scienza ufficiale, questa guida pratica spiega come far levitare un oggetto violando le attuali leggi della fisica (la spiegazione del vento ionico è stata confutata dagli esperimenti sotto vuoto spinto condotti dalla stessa NASA), come riprodurre un piccolo sole (fusione nucleare) in un barattolo di vetro per alimentari, come provocare e verificare la trasmutazione della materia, come convertire la normale elettricità nella corrente di Tesla, come creare un magnete permanente molto speciale e altro ancora.

esperimenti-scientifici-non-autorizzati

 

Ogni volta in cui uno scienziato ha annunciato al mondo di avere trovato la soluzione dei nostri problemi energetici, è stato accusato di frode scientifica e allontanato dal suo incarico come un ciarlatano. Ora però, con Esperimenti scientifici non autorizzati chiunque sappia solo svitare una lampadina o premere un interruttore potrà finalmente “toccare con mano” fenomeni straordinari di cui probabilmente non ha mai neppure sentito parlare…

 

2003 La NASA sperimenta il lifter sotto vuoto spinto ma l’oggetto si solleva ugualmente:

 

 

Kofi Annan (ex Segretario ONU) ha visitato il laboratorio privato di Jean Naudin per assistere al fenomeno di persona:

 

Army

 

Rapporto 41La scandalosa storia di un insabbiamento:

L’acclarata frode scientifica del MIT, il più prestigioso polo tecnologico mondiale della scienza ufficiale:

Le  reazioni nucleari a debole energia producono un eccesso di energia (overunit). Misurare per credere:

Fusione fredda – Le dichiarazioni shock di Giuliano Preparata:

Chi era il prof. Giuliano Preparata:

Professore incaricato di Fisica dei neutroni. Dal 1967 al 1972 insegna nelle più prestigiose università americane quali Princeton, Harvard, Rockefeller, New York University. Consegue la libera docenza in Fisica Teorica, nel 1969; vince il concorso a cattedra di Fisica Teorica nel 1975. Dal 1974 al 1980 è Staff Member nella Theory Division del CERN di Ginevra.

Giuliano Preparata ha dedicato gran parte della sua attività scientifica alla fisica delle alte energie portando rilevanti contributi alla costruzione del Modello Standard, la nuova sintesi delle interazioni subnucleari. In particolare ha chiarito la natura di campo quantistico di Dirac del Quark, premessa fondamentale della unificazione elettrodebole, e ha proposto una soluzione al problema cruciale del confinamento del colore nell’ambito della Cromodinamica quantistica (QCD).

Dal 1987 ha rivolto la sua attenzione anche ai problemi della materia condensata e alla fisica nucleare nel quadro della teoria quantistica dei campi, scoprendo nuove soluzioni coerenti della QED in sistemi abbastanza densi e abbastanza freddi. Ciò gli ha permesso di affrontare problemi vecchi, come la teoria dell’acqua liquida, e nuovi, come quello della fusione fredda, da un’ottica completamente nuova che appare molto promettente.

Ha inoltre sviluppato con Cecilia Saccone, Ordinario di Biologia Molecolare all’Università di Bari, un modello markoviano di evoluzione molecolare che ha ricevuto notevole attenzione da parte della comunità scientifica internazionale.

Ha pubblicato circa 400 lavori nei seguenti campi: fisica subnucleare, fisica nucleare, fisica del laser, superconduttività, superfluidità, acqua liquida e solida, materia condensata (vetri, colloidi, elettroliti, ecc.), fisica delle stelle di neutroni, astrofisica dei GRB (Gamma ray burst), fusione fredda. Si è inoltre interessato alle proprietà dei campi elettromagnetici dell’acqua, in una serie di lavori sperimentali poi ripresi nel 2009 dal Premio Nobel per la Medicina Luc Montagnier.

2012 – La NASA pubblica un video in cui ammette l’esistenza della tecnologia nota come fusione fredda (reazioni nucleari a debole energia):