Covid: La mia esperienza personale

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona

Di

Marco Pizzuti

Quanto segue è un chiarimento per chi augura con sarcasmo ai non vaccinati di non ammalarsi e di non finire in terapia intensiva.

Mio suocero di 84 anni, mia moglie, mio figlio piccolo di 12 anni e io abbiamo avuto tutti il Covid. Mio suocero che ha fiducia nella $cienza ha seguito il protocollo ufficiale e dopo due settimane di vigile attesa e febbre a 39 che scendeva raramente sotto i 38,2 con tachipirina, era stremato. Dopo i primi 5 giorni gli erano stati stati prescritti anche cortisone e eparina ma stava per essere ricoverato ugualmente perché la febbre alta tornava sempre. Sono intervenuto e l’ho fatto curare con la terapia domiciliare a base di Plaquenil e Zitromax. Il giorno dopo non aveva più febbre e nel giro di tre giorni era già finito tutto. Mia moglie è praticamente guarita da sola dopo 5 giorni senza farmaci (aveva mal di reni e mal di testa), mio figlio completamente asintomatico mentre io sono guarito in tre giorni con Zitromax, Brufen e Plaquenil (l’olfatto è tornato il quinto giorno). Per esperienza diretta quindi, rispondo ai vaccinati e ai vaccinandi sarcastici che il Covid si cura benissimo a casa, con i trattamenti che hanno bandito e auguro loro di non sviluppare patologie immunitarie, ictus, trombi, cancro o altro a causa di fiducia mal riposta nell’industria farmaceutica e nella criminale disinformazione mainstream.

 

P.S. Gli antibiotici non hanno alcuna efficacia sui virus ma poiché si è scoperto che il Covid infetta prima i batteri delle vie respiratorie alte che poi lo aiutano a penetrare nei polmoni, l’assunzione dello Zitromax distrugge il “taxi” dei batteri infetti, riducendo notevolmente la diffusione del virus.