L’FBI ha declassificato un documento sui “Finders” (cercatori), un gruppo coperto dall’intelligence accusato di abusi sessuali sui bambini

The Federal Bureau of Investigation Headquarters in Washington on July 11, 2018. (Samira Bouaou/The Epoch Times)

Il quartier generale dell’FBI a Washington (Samira Bouaou/The Epoch Times)

 

 

Di

Zachary Stieber

Venerdì scorso l’FBI ha pubblicato i documenti che descrivono dettagliatamente un’indagine sui “Finder”, un gruppo segreto presumibilmente collegato al governo degli Stati Uniti.

Le accuse di abusi sui minori commesse dal gruppo sono state portate all’attenzione degli agenti dell’FBI dopo che diverse persone, tra cui il deputato degli Stati Uniti Charlie Rose, hanno inoltrato al Dipartimento di Giustizia un documento declassificato risalente al 27 ottobre 1993.

Gli agenti dell’FBI hanno cercato informazioni sul gruppo e hanno scoperto un file dell’FBI relativo a un arresto di due uomini a Tallahassee, in Florida, nel 1987. Gli ufficiali di polizia trovarono gli uomini trascurati e trasandati con sei bambini che giocavano in un parco.

“I due soggetti con i bambini, inizialmente non furono in grado di fornire informazioni sufficienti sulla custodia legale dei bambini e non collaboravano per quanto riguarda la loro identità e l’identità dei bambini”, afferma il file.

Le informazioni raccolte sugli arrestati e i bambini rivelarono che provenivano dall’area di Washington. Ciò spinse gli agenti di Tallahassee a contattare il proprio ufficio locale e a trasmettere le informazioni al dipartimento di polizia metropolitana di Washington.

Si venne così a scoprire che uno dei due uomini apparteneva ad un’associazione nota con il nome di “Finders” che aveva la propria sede nella capitale della nazione. Il Dipartimento di Polizia Metropolitana aveva già ricevuto informazioni da una fonte confidenziale che un gruppo noto come “Finder”

stava conducendo “tecniche di lavaggio del cervello a [censurato]”.

“La fonte ha riferito che i bambini erano stati utilizzati nei rituali dai gruppi, e che non era stato mai osservato alcun abuso di minori”, affermano i file declassificati.

Il 5 febbraio e il 6 febbraio 1987, gli agenti di polizia di Washington hanno eseguito delle perquisizioni su due immobili di proprietà del gruppo: una residenza e un magazzino.

Durante le ricerche nelle proprietà dei “Finder”, un funzionario del servizio doganale degli Stati Uniti (UCSC) ha affermato di “aver osservato una quantità sostanziale di materiale informatico e documenti che presumibilmente contenevano istruzioni per ottenere bambini per scopi non specificati “,

Ha dichiarato l’FBI. “Le istruzioni presumibilmente includevano l’impregnazione di membri femminili della comunità, l’acquisto di bambini, il commercio di bambini e il loro rapimento (sic).

L’agente ha cercato di ottenere l’accesso alle prove da utilizzare nelle indagini sulle violazioni delle leggi sulla pornografia minorile, sul Mann Act e il Neutrality Act.

Dopo diversi paragrafi di materiale redatto, l’FBI ha rivelato che qualcuno “ha affermato che i Finder erano coinvolti in un sistema di abusi sui minori ben organizzato e che [censurato] in collaborazione con il Dipartimento di Stato e la sezione di controspionaggio estero dell’FBI,

ha cospirato per coprire quegli abusi. ”

Una nota del 9 marzo 1987 dell’ufficio dell’FBI di Washington, affermava tuttavia che “tutte le prove ottenute” nelle proprietà dei due “Finder” non producevano “nessuna prova di sfruttamento sessuale dei minori, rapimenti o altri crimini correlati”.

Un rapporto dell’ufficio di Washington indicava invece che il mandato aveva scoperto “grandi quantità di documenti relativi all’educazione e alla formazione dei bambini … insieme a manuali per piani generali e “sporchi inganni” per i nemici del gruppo dei Finder.

Una terza ricerca eseguita dalla polizia statale in una fattoria rurale della Virginia aveva scoperto le “prove di rituali satanici/di culto”. Gli agenti trovarono anche le gabbie che usate per tenere i bambini durante le loro visite alla fattoria.

Il gruppo che viveva nella fattoria ha tentato di “assumere il governo della città di Culpepper in Virginia”, affermava il file.

Successivamente, qualcuno ha contattato la polizia di Washington per informarla che “tutti i rapporti riguardanti i Finder dovevano essere classificati come segreti. [censurato] aveva anche avvisato che nessuna informazione doveva essere consegnata al WFO dell’FBI per le indagini e

che il WFO non sarebbe stato informato del coinvolgimento/contatto [censurato]. ”

“I bambini scoperti a Tallahassee alla fine sono stati consegnati a persone che affermavano di essere genitori o tutori. Nessun ulteriore coinvolgimento di MPD, FBI o dogane “, ha affermato la cronologia. “Per quanto è noto, nessun dettaglio del coinvolgimento [censurato] è mai diventato pubblico.”

L’FBI riferì di aver parlato con il capo del dipartimento di polizia di Tallahassee il 16 novembre 1993 e affermò che tutte le prove scoperte a carico dei Finder erano state restituite ai suoi proprietari o distrutte. Aggiunse che nessuna agenzia esterna ha cercato di influenzare le indagini del suo dipartimento.

 

clip_image001

Uno dei file declassificati. (FBI)

“Risposta alle persone in emergenza”

Un’indagine congiunta del Metropolitan Police Department e dell’ufficio dell’FBI a Washington ha portato all’identificazione delle madri dei sei bambini trovati in Florida, nonché di due padri e di molti altri membri chiave dei “Finder”.

Tutte le persone interrogate “hanno affermato che il loro gruppo composto da intellettuali aveva scelto di vivere seguendo uno stile di vita alternativo”, ha scritto l’FBI. “Le madri erano tutte consapevoli del fatto che i bambini erano stati portati in Florida durante un viaggio” e

hanno affermato di avere fiducia nei due uomini che erano stati arrestati.

Uno dei membri del gruppo riferì agli investigatori che il gruppo era stato formato nel 1972 “con il proposito di aiutare le persone in situazioni di emergenza”, secondo uno degli archivi. “Il gruppo ha raccolto informazioni per persone o aziende” ed inizialmente era locato sulla 1307 4th Street, N.W., a Washington.

La persona “descriveva il [censurato] come misterioso e riferiva che di solito nessuno sapeva dove fosse”, secondo l’interrogatorio del 7 febbraio 1987.

Tutti i membri del gruppo, comprese le madri e i padri, “hanno affermato con enfasi che nessuno nel loro gruppo ha fatto sesso con i bambini, che non si sono verificati abusi ritualizzati e che i “Finder” non sono un culto satanico”.

Undici giorni dopo, un assistente procuratore degli Stati Uniti, il cui nome è stato censurato, presso l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia, ha rifiutato il processo senza citare nessuna delle prove sulle violazioni delle leggi federali.

Il membro del gruppo ha rivelato altri dettagli, ma sono stati quasi tutti censurati. Ad un certo punto, ha detto, i membri dei “Finder” erano in battaglia per la custodia sulle proprietà immobiliari del gruppo.

clip_image002

Cartina di una scuola materna gestita dai Finder. Gli investigatori dissero che non aveva una maniglia, solo un catenaccio, su una delle porte della classe; si accedeva attraverso dei tunnel;

e aveva un sistema di allarme antincendio interno che non era collegato alla caserma dei pompieri, con interruttori in ogni classe.

Parlano ex membri

Secondo una cronologia dell’indagine, 21 ex Finder sono stati interrogati e hanno affermato che l’organizzazione “è iniziata come uno stile di vita alternativo negli anni ’60 e che molti di loro sono rimasti disincantati dall’ordine quasi militare sotto la diretta supervisione di [censurato].

Molti degli ex membri hanno dichiarato di temere una punizione dall’organizzazione Finders”.

In un caso, un ex membro femminile ha avuto bisogno dell’intervento della polizia per fermare le molestie da parte dei Finder.

I familiari che hanno parlato con i detective “hanno dichiarato che [censurato] ha fatto il lavaggio del cervello ai loro figli” e “ha impedito qualsiasi contatto con loro”.

I membri dei Finder costringerebbero i parenti a smettere di contattare i loro cari inviando ricatti e fotografie che descrivono atti sessuali espliciti che coinvolgono gli attuali membri.

Ad un certo punto, i Finders “hanno tentato di prendere in consegna” una residenza di famiglia e di costringere una donna ad abbandonare la sua casa.

clip_image003

Una pagina del documento con gli interrogatori sui bambini trovati a Tallahassee, in Florida. (FBI

Un detective del Metropolitan Police Department ha dichiarato che una donna ha chiamato la divisione di intelligence del dipartimento diversi mesi prima dei mandati di perquisizione del dicembre 1986 e ha riferito di avere informazioni su un culto operante a Washington e nel Maryland.

In un interrogatorio ha dichiarato che “un gruppo di individui stava cercando di introdurla in un culto e ha spiegato la natura e le circostanze di questo culto”, ha scritto il detective.

Le fu detto che il gruppo “era insolito” ma “non commettevano reati” e che la polizia non era interessata a loro.

La donna contattò nuovamente un detective il mese successivo “e dichiarò che alcuni membri erano interessati ad esplorare il satanismo”. Il detective le disse che “i satanisti [sic] non sono criminali” ma che lui “era interessato ad accertare in quale attività fosse coinvolto il gruppo.”

Dopo che i bambini furono trovati in Florida il mese seguente, furono ascoltati dagli investigatori.

I bambini riferirono agli agenti di polizia di Tallahassee che erano “in viaggio verso una scuola intelligente “in Messico e che non potevano fornire alcuna informazione positiva sui loro genitori”, secondo un file.

I bambini erano tutti estremamente affamati e durante i colloqui urinavano e defecavano sul pavimento.

I bambini “hanno anche parlato di altri bambini a Washington D.C. e hanno dichiarato di essere sotto il controllo del” chiamante del gioco “, [censurato]”, afferma il file.

Secondo il file originale, i bambini venivano “svezzati” dalle loro madri e non andavano a scuola. Alla domanda su cosa gli uomini hanno insegnato loro, hanno risposto dei giochi e come leggere. I giochi includevano prendere una camicia con dei buchi, scappare e strapparla.

Hanno riferito che facevano tutte le cose in cambio dei premi.

Due bambini hanno anche descritto un periodo intorno a Natale in cui le donne erano scese al piano di sotto nude e hanno detto che pensavano che fosse divertente e parte di un gioco.

Per scaricare e leggere l’intero file declassificato cliccare QUI.

FONTE